ENERGIA REATTIVA: UNA BRUTTA SORPRESA SEMPRE PIU’ FREQUENTE NELLA BOLLETTA ELETTRICA

L’energia reattiva è la quota di energia che piuttosto che essere consumata all’istante dall’utilizzatore viene accumulata per poche frazioni di secondo e rilasciata nella rete elettrica. L’impiego dell’energia reattiva, che si misura in varh (Volt Ampere reattiva ora) attiene alle apparecchiature che per funzionare hanno bisogno di un campo magnetico, come i neon, i trasformatori, i motori elettrici, la Tv o il Pc.Energia-Reattiva-nuove-penali.jpg L’energia reattiva non è commercializzata, pertan to un consumo moderato di questa è da considerare fisiologico. È tollerata, dunque, una quantità massima di prelievo di energia reattiva: le penali si applicano solo per le utenze non domestiche con potenza disponibile maggiore di 16,5 KW e nei casi in cui l’assorbimento di energia reattiva ecceda il 33% dell’energia attiva. Il parametro che viene preso in considerazione per appurare se l’impianto registra un consumo di energia reattiva troppo elevata è il cosφ (Cos fi = coseno dell’angolo di sfasamento tra corrente e tensione). Tale parametro valuta il legame tra energia attiva ed energia reattiva ed in caso di carico ideale, solo resistivo e quindi senza energia reattiva consumata, vale 1. Nel caso sia presente dell’energia reattiva, il parametro prende in carico valori inferiori ad 1 e in base a quanto si allontana dal valore ideale possono essere applicate penali. Il prelievo di energia reattiva è, perciò, valutato regolare fino a che l’utilizzatore ha un fattore di potenza (cosφ) maggiore di 0,9.

 

A questo link si può trovare la DELIBERAZIONE 22 DICEMBRE 2016 778/2016/R/EEL AGGIORNAMENTO, PER L’ANNO 2017, DELLE TARIFFE OBBLIGATORIE PER I SERVIZI DI DISTRIBUZIONE E MISURA DELL’ENERGIA ELETTRICA PER I CLIENTI NON DOMESTICI E DELLE CONDIZIONI ECONOMICHE PER L’EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI CONNESSIONE in cui sono enumerati i dettagli economici dell’applicazione delle penali:

  http://www.autorita.energia.it/allegati/docs/16/778-16.pdf

Come può difendersi il consumatore?

Il prelievo di energia reattiva può essere limitato o perfino annullato attraverso alcuni semplici dispositivi tecnologici installati sull’impianto elettrico del cliente, in grado di attuare un rifasamento dell’impianto elettrico.

 

 

 

Dr. Massimiliano Scalisi – Responsabile Sportello Energia

sportellocodici.catania@gmail.com

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...