CODICI: UN DIAMANTE E’ PER SEMPRE? NO SE A VENDERTELO E’ STATA LA TUA BANCA!

Multa dell’Antitrust per 15 mln di euro a 4 banche e 2 società per lo scandalo dei diamanti da investimento a prezzi gonfiati. CODICI avvia una class action a tutela dei consumatori. 

A seguito dell’istruttoria avviata dall’Antitrust, le società Intemarket Diamond Business (IDB) e Diamond Private Investment (DPI) sono state sanzionate per 15,35 milioni di euro, insieme a Unicredit e Banco BPM (per IDB) e Intesa Sanpaolo e MPS (per DPI), istituti con cui operavano.

Il motivo della sanzione è quella di aver offerto ai consumatori diamanti da investimento in maniera ingannevole e omissiva.

Le società diffondevano attraverso il sito internet e il materiale promozionale informazioni ingannevoli, inducendo i consumatori all’acquisto di questa tipologia di prodotti ad un prezzo totalmente inconveniente.
I prezzi di vendita liberamente determinati dai professionisti erano in realtà superiori, e di molto, rispetto al costo di acquisto della pietra e ai benchmark internazionali di riferimento (IDEX e Rapoport).

L’Antitrust ha inoltre accertato che gli istituti di credito che operavano con queste società, inducevano i risparmiatori a diversificare i propri investimenti acquistando diamanti come bene di rifugio.
Il ruolo degli istituti bancari ha facilitato l’acquisto da parte dei consumatori che, seguendo quanto suggeriva il personale bancario, hanno ritenuto credibili le informazioni proposte dalle due società di investimento. Il consumatore, fidandosi e affidandosi ai consigli della propria banca, ha acquistato senza accertarsi ulteriormente.

“Sono numerose le storie di risparmiatori che si sono rivolti ai nostri sportelli per denunciare che in questi anni, spinti dalle proprie banche, hanno investito nell’acquisto di diamanti pagandoli a prezzi gonfiati rispetto al vero valore di mercato. E’ evidente infatti che alla luce del provvedimento sanzionatorio dell’ Antitrust, sia le due società che gli istituti bancari, hanno violato ogni norma a tutela del consumatore, traendolo in inganno, omettendo informazioni fondamentali e proponendo prezzi di vendita superiori al prezzo di mercato. Lo afferma l’Avvocato Manfredi Zammataro, Segretario Regionale del CODICI – Centro per i Diritti del Cittadino-Sicilia.  Per tali ragioni – prosegue Zammataro – stiamo predisponendo una class action, affinché tutti i risparmiatori che, fidandosi, hanno investito in queste società, possano essere risarcite e, finalmente, tutelate”. Per aderire all class action o per avere maggiori informazioni: segreteria.sicilia@codici.org – 320.2281052

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...