Motta Sant’Anastasia è il Comune maggiormente colpito in Sicilia nella maxi-truffa di Tributi Italia: Codici annuncia esposti in tutte le Procure della Regione

Sono dodici i Comuni del Catanese, colpiti dalla maxi-truffa di Tributi Italia, la società incaricata della riscossione dei tributi i quali non sarebbero,però, poi stati riversati agli Enti locali.

Il record dei Comuni truffati in Sicilia  lo detiene Motta Sant’Anastasia che ha visto sfumare quasi 4.000.000 di €, a seguire troviamo Adrano con 540.752 € ,Grammichele con 309.719 €, Belpasso 215.507 € e, quello di San Michelele di Ganzaria con 205.986

Dall’indagine condotta dalla Procura della Corte dei Conti, infatti, emerge che sarebbero stati sottratti ai 56 Comuni siciliani interessati diversi milioni di euro; per intenderci, gli incassi di Imu, Tari ed altri tributi locali versati dai contribuenti.

Per questo motivo, l’Avv. Manfredi Zammataro, segretario regionale dell’Associazione di consumatori Codici, ha dato mandato all’Ufficio Legale Regionale affinché venga presentato un esposto presso la Procura di Catania e presso le altre Procure Siciliane ove insistono i Comuni truffati, per far luce su tale incresciosa vicenda: “siamo davanti ad un autentica truffa ai danni dei cittadini – commenta Zammataro –  è indispensabile fare chiarezza su tali fatti per la tutela dei contribueneti e dei servizi loro rivolti. Vogliamo capire come è possibile che alcuni comuni hanno visto sfumare milioni di euro senza che l’Ente Locale si accorgesse che non venivano restituiti nelle casse comunali. Per questo abbiamo dato mandato al nostro pool di avvocati di presentare esposti in tutte le Procure della Regione siciliana. I comuni siciliani, negli ultimi anni, appaiono provati da considerevoli ristrettezze di bilancio sempre più opprimenti per i cittadini e per i servizi loro rivolti; non possiamo permettere, dunque, che quanto loro richiesto in termini fiscali venga, poi,sottratto alle casse comunali ed alle loro finalità pubbliche”.

Soprattutto in un periodo di magra per gli Enti locali, infatti, i cittadini risultano destinatari di una pressione fiscale sempre più elevata e di servizi, spesso, ridotti a lumicino. Tale stato di cose, dunque, non può che provare oltremodo la tenuta dei bilanci comunali.

L’azione che stiamo mettendo in campo, concludono i legali, va a difesa sia degli enti locali che dei cittadini contribuenti che non possono essere considerati un bancomat da spremere a piacimento.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...