Codici: la beffa dei mutui ventennali

Prospettive allettanti, spese minime e guadagni

Codici: la beffa dei mutui ventennali

Le assicurazioni

Sono tanti i risparmiatori che, su queste basi, hanno sottoscritto un mutuo ventennale legato ad un contratto di assicurazione. Le segnalazioni ricevute dall’associazione Codici riguardano clienti di Unicredit e Aviva Assicurazioni, ma inizialmente erano concessi da Abbey National Bank e Commercial Union Life. Il problema sorge al termine del mutuo.

Un contratto complesso

“In sostanza – spiega Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale di Codici e Manfredi Zammataro, Segretario Regionale di Codici – si tratta di un contratto complesso, composto da un contratto di mutuo fondiario ed un contratto assicurativo, che a sua volta comprende un contratto di capitalizzazione ed un contratto di assicurazione in caso di decesso. Su quest’ultimo nulla quaestio. Secondo il contratto di mutuo, i sottoscrittori dovevano pagare le rate costituite dai soli interessi da corrispondere alla banca, in quanto la quota capitale costituita dal capitale mutuato sarebbe stata versata dall’assicurazione al termine dell’ammortamento del mutuo. In realtà, ai sottoscrittori è stata prospettata un’operazione che avrebbe prodotto dei guadagni, in quanto al termine dell’ammortamento l’importo derivato dal contratto di capitalizzazione sarebbe andato a coprire il capitale mutuato dalla banca ed in più i sottoscrittori avrebbero guadagnato la differenza derivata dalla rivalutazione”.

Promesse disattese

Il contratto di mutuo nelle premesse specifica che “il contratto di assicurazione è vincolato alla banca erogante, costituendo così una garanzia per il rimborso del capitale erogato”. Naturalmente non è andata in questa maniera.

“Al termine dell’ammortamento – affermano Giacomelli e Zammataro – i sottoscrittori, dopo aver chiesto la liquidazione dell’importo derivante dal contratto della polizza di capitalizzazione, hanno ricevuto una lettera dalla banca, attualmente Unicredit, in cui viene chiesto il pagamento di una somma a saldo del capitale della somma mutuata. Il contratto di capitalizzazione, dunque, non solo non ha prodotto guadagni, ma non è nemmeno riuscito a coprire il capitale mutuato dalla banca. Su questa vicenda lo scorso anno è stata emessa una sentenza dal Tribunale di Roma, che ha stabilito che l’assicurazione è obbligata a versare alla banca l’intero importo pari al capitale mutuato. A nostro avviso il contratto presenta anche caratteristiche di investimento e su questo chiediamo l’intervento delle autorità, per verificare e per tutelare i risparmiatori”.

Segnalazioni e assistenza

Chi ha sottoscritto un mutuo ventennale con le caratteristiche descritte può richiedere l’assistenza dell’associazione Codici, che con i suoi esperti verificherà il contratto, garantendo il rispetto dei dati personali. Per info: sportellocodici.catania@gmail.com

 

fonte:https://www.spazioconsumatori.tv/comunicati-stampa/economia-e-finanza/item/4819-codici-la-beffa-dei-mutui-ventennali.html?fbclid=IwAR05gtd36M1HjgLW7x-9Fdi8plz44wXfnGjQ9OItFHzVXhDb3UraQNRUeIs

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...